Valutare un cliente o un partner aziendale: ecco come fare

Negli ultimi anni si sta diffondendo sempre di più la filosofia della partnership aziendale, in modo da affrontare al meglio i mercati, specialmente quelli internazionali. Le stesse aziende artigiane, nonché le cooperative di servizi, sentono la necessità di individuare dei partner, così da aumentare le proprie risorse finanziarie e migliorare il prodotto offerto.

Dunque, riuscire a valutare  in maniera adeguata un cliente o un’azienda è diventata una vera e propria necessità, soprattutto se non si vuole andare incontro a dei rischi eccessivi. Per riuscirci è necessario effettuare un’attenta analisi, volta ad accertarne la qualità. Infatti, non dedicare la giusta attenzione a capire l’effettiva validità di un’impresa può portare a dei dissesti finanziari non trascurabili, che a volte possono dimostrarsi addirittura fatali.

Verificare iscrizione all’Ufficio delle Imprese

Di solito, quando si vuole collaborare con un’azienda o un cliente di cui non si ha alcun tipo di informazione è necessario capire prima di tutto se si tratta di una realtà affidabile o meno. Per riuscirci il primo passo è verificare l’effettiva iscrizione presso l’Ufficio delle Imprese. A molti questa misura potrebbe sembrare esagerata, ma bisogna considerare che il rischio di andare incontro a situazioni spiacevoli è piuttosto elevato. Infatti, negli ultimi anni il numero dei malintenzionati è aumentato a dismisura.

Per portare a termine questa operazione è necessario avvalersi di pochi dati, vale a dire della partita IVA, del Codice Fiscale o REA, oppure usufruire della Camera di Commercio, utilizzando i dati personali del contatto di cui si dispone. In questo modo è possibile sapere se effettivamente un’impresa esiste o meno. Questo è certamente il punto fondamentale da cui partire, anche se non è sufficiente per poter iniziare una collaborazione in maniera serena.

Controllare protesti e pregiudizievoli

Per verificare l’affidabilità di un’azienda è indispensabile richiedere la visura protesti dell’impresa con cui si vorrebbe intraprendere una collaborazione, avvalendosi del Registro Informatico Protesti delle Camere di Commercio, che contiene tutti gli effetti insoluti a carico delle aziende e delle persone rilevati dagli istituti di credito italiani.

Così facendo è possibile capire in maniera rapida se l’azienda in questione ha avuto problemi con vaglia, cambiali o assegni. Una volta venuti a conoscenza di questi dati è possibile anche analizzare eventuali pregiudizievoli, vale a dire pignoramenti, fallimenti, ipoteche giudiziali e così via.

Attualmente è possibile visionare visure e certificati online su www.secury.it, un sito specializzato che permette di evitare di effettuare spostamenti ed interminabili code per ottenere le informazioni necessarie per valutare l’affidabilità di una ditta.

Infatti, la conoscenza dei dettagli dei protesti consente di reperire informazioni specifiche ad esempio sul perché una determinata azienda non abbia onorato un debito. Ciò consente di avere un’idea ancora più dettagliata in merito alla solidarietà finanziaria di un’azienda.

Valutare il bilancio aziendale

Non è possibile attuare una precisa valutazione economico-finanziaria di un’impresa fino a quando si non si riesce a visionare una copia dei bilanci depositati. Questi documenti, infatti, permettono di comprendere nell’immediato se una data impresa è in crescita, in stagnazione o addirittura in recessione. Le informazioni che vengono desunte consentono anche di determinare il rating aziendale, scaricando online i report impresa che, in relazione ai dati analizzati, permette di ottenere diversi livelli di approfondimento.

Infatti, si parla di report impresa medium, che è basato su dati attuali e passati da fonte pubblica, ovvero la Camera di Commercio, integrati da una verifica di protesti e pregiudizievoli da Conservatoria. Il report large, invece, fornisce informazioni approfondite in merito ai dati di pagamento dei fornitori ed all’analisi del credit score e del failure score.

Si tratta di informazioni essenziali per la concessione di un fido bancario. Infine, è bene ricordare il report extra large, che rappresenta un particolare approfondimento per la concessione di un fido ad una ditta mediante degli indicatori, che permettono di valutare l’effettivo livello di affidabilità o di rischiosità.

Loading...