Isernia, riattivato il servizio di donazione del sangue

La Croce Rosa ha riattivato il servizio di donazione del sangue ad Isernia: un gesto di profondo amore verso il prossimo.

Fabio Rea ha firmato la convenzione con l’Arem

Fabio Rea, presidente del comitato locale di Isernia, mercoledì scorso (20 febbraio), ha firmato la convenzione con l’Arem per la donazione del sangue, andando così a riattivare, grazie anche al prezioso supporto del presidente del comitato regionale della Croce Rossa, Giuseppe Alabastro, il servizio precedentemente sospeso presso l’ospedale Veneziale di Isernia.

Si tratta, di fatto, di un ulteriore servizio che va ad aggiungersi a quelli già riattivati dal nuovo direttivo del capoluogo pentro della Croce Rossa, che ha pensato anche di potenziare quelli già esistenti ed avvalorati dai volontari che vi operano. Ed è proprio grazie a questa spinta positiva che le prime persone disposte a donare il sangue si sono fatte avanti.

Il presidente Giuseppe Alabastro, infatti, ha voluto esprime il suo plauso ai volontari, che hanno lottato per riaprire questo importante servizio, affermando: “Una risposta importante che vede coinvolti diversi volontari di Isernia, che in maniera spontanea ed a titolo esclusivamente gratuito, hanno donato una quantità del proprio sangue o dei suoi componenti, affinché venga utilizzata per scopi medici, al fine di aiutare chi ne ha bisogno. Donare il sangue è un gesto d’amore attraverso il quale è possibile contribuire a salvare diverse vite umane“.

I requisiti necessari per donare il sangue

Al contrario di quello che i potrebbe pensare, per donare il sangue è necessario disporre di determinati requisiti. Prima di tutto è indispensabile avere un’età compresa tra i 18 ed i 65 anni e pesare almeno 50 chili.

Tra una donazione e l’altra, inoltre, devono trascorrere almeno 90 giorni, per tanto è possibile donare il sangue al massimo 4 volte all’anno. Per quanto riguarda, invece, le donne in età fertile possono donare solo 2 volte all’anno.

La sera prima del prelievo è opportuno effettuare un pasto normale, ma senza eccedere. Inoltre, è fondamentale il digiuno prolungato per almeno 8 ore.

Notevole impulso al volontariato

Di fatto, il presidente Rea, che si trova da poco alla guida del comitato di Isernia, ha tenuto a dare un notevole impulso al volontariato sul territorio del suo comitato. Per raggiungere tale risultato ha presieduto i maggiori eventi del territorio con il suo personale specializzato in assistenza socio-sanitaria.

Infatti, è riuscito a riattivare la distribuzione dei viveri e generi alimentari dell’Agea, a potenziare il parco macchine con l’acquisizione di nuovi mezzi idonei, che gli hanno permesso di assicurare il servizio dialisi durante le ultime emergenze a Isernia, in collaborazione con la Asrem, ed a garantire il supporto operativo alla Sala Operativa Regionale della CRI Molise per il trasporto dei pazienti dializzati nell’ultima emergenza neve.

Giuseppe Alabastro, infatti, ha aggiunto: “Il trasferimento alla nuova sede di via Giovanni Pascoli, in corso di allestimento assicurerà al territorio una risposta efficace ed efficiente in caso di necessità, con l’attivazione della Sala Operativa Locale e la rete radio per le emergenze già attivata, oltre a garantire con tempestività la formazione continua ai vari livelli e che viene assicurata a tutto il personale in servizio attivo a garanzia di affidabilità e qualità professionale”.

Loading...