Il test celiachia di Prima Home Test

La celiachia è un’intolleranza al glutine, un disturbo autoimmune che interessa principalmente l’intestino. Di solito si presenta già da bambini ma può apparire a qualsiasi età. La gravità dei sintomi permette di classificare diversi livelli di questa malattia.

Un test di autovalutazione è il primo passo per individuare l’eventuale intolleranza al glutine che dovrà poi essere confermata da uno specialista. Digitando su un motore di ricerca test celiachia costo , non si sa bene cosa aspettarsi invece si può notare che la tecnologia di Prima Home Test ha un prezzo accessibile ed è molto facile da utilizzare.

Un kit che si basa su una reazione immunocromatografica, in soli 10 minuti. La particolarità di questo self test è il fatto che rileva, non solo la presenza di anticorpi anti-transglutaminasi IgA, immunoglobuline che sono riscontrabili nelle persone che soffrono questo disturbo ma anche gli anticorpi anti-peptidi deamidati della gliadina ovvero gli anti-DGP, sia di classe A che G. Questo per evitare falsi risultati rilevati basandosi solo sull’immunoglobulina A.

Quando è utile fare il test celiachia? Sicuramente quando si avvertono alcuni dei sintomi tipici di questa malattia, come: diarrea, perdita di peso, gonfiore e dolore addominale, ulcere all’interno del cavo orale. Tutti problemi legati al malassorbimento. Anche l’anemia da mancanza di ferro, di vitamine come la B12 e l’acido folico sono spie d’allarme rilevanti. Possibile inoltre riscontrare anche eruzioni cutanee, costipazione, crampi, flatulenza, colite, debolezza e cefalea oltre ad uno stato di irritabilità.

La causa è prettamente genetica, una predisposizione che non porta necessariamente alla malattia ma ad un maggior rischio di svilupparla. La terapia si basa principalmente sulla dieta, la cui esclusione di tutti gli alimenti contenenti glutine è la regola principale.

Cos’è il glutine? Un complesso proteico che agisce come una sorta di colla per gli alimenti, costituita da glutenina e gliadina. Proprio quest’ultima è la causa della reazione del sistema immunitario nei soggetti intolleranti.

L’infiammazione colpisce l’intestino tenue causando danni ai villi intestinali, che servono all’assorbimento dei nutrienti. Prima arriva la diagnosi e minori saranno le conseguenze riguarda il deterioramento e lo sviluppo di eventuali altre patologie.

Molti alimenti contengono il glutine. Tra i cereali da evitare ci sono: frumento (grano), avena, orzo, segale e farro. Tra i privi di glutine troviamo invece il riso e le patate, ad esempio.

Il test celiachia si rivolge a chiunque voglia accertarsi riguardo la possibile presenza dell’intolleranza al glutine.

Loading...