Cassaforte in casa: quale, dove, come e perché

Le precauzioni per mettere in sicurezza i propri averi non è mai troppa e per questo motivo, oltre al sistema antifurto e a sistemi di sicurezza passivi, è utile dotarsi di una buona cassaforte. Anche in caso di effrazione, infatti, la cassaforte bisogna innanzitutto trovarla e poi scassarla che non è di certo una cosa semplice.

Grazie a questo prodotto i propri beni più preziosi, come gioielli, documenti e denaro possono stare al sicuro nella maggior parte dei casi. Dell’installazione della cassaforte è meglio che lo sappiano solo i membri della famiglia: non per mancanza di fiducia nelle persone vicine, ma perché queste inconsciamente potrebbero dare informazioni ad altri che non si sa che ne potrebbero fare.  A questo proposito, per gli stessi motivi, è meglio non mettere la cassaforte in fase di costruzione dell’immobile, perché così ogni lavoratore saprebbe della sua presenza.

Tipologie di cassaforte

Le casseforti non sono tutte uguali, ma ce ne sono di alta e di bassa qualità. Trattandosi della sicurezza dei propri beni, tuttavia, è il caso di non scegliere un rivenditore a caso ma di affidarsi a un negozio professionale, online o fisico, non importa purché sia fidato. Su www.galvagnistore.it è possibile vedere i modelli di casseforti che ha questo rivenditore per acquistarle online o rivolgersi direttamente al punto vendita. Questa ferramenta lavora da anni in modo professionale, proponendo solo prodotti di alta qualità e per questo i prodotti che si acquistano qui sono ad alto livello di sicurezza.

Le tipologie di casseforti che ci sono in commercio sono diverse. Ci sono quelle da inserire all’interno del muro e quelle esterne e si distinguono anche per metodo di apertura, cioè a combinazione o con la chiave. In base alle proprie preferenze ed esigenze è possibile scegliere il modello di cassaforte migliore.

È chiaro, tuttavia, che quelle installate nel muro (che sono anche le più diffuse) sono ovviamente quelle più sicure perché per violarle è indispensabile rompere il muro. Per evitare lavori di muratura è possibile adottare quelle esterne, che sempre per sicurezza vanno comunque fissate alle pareti con tasselli e zanche. La scelta fra l’apertura a combinazione o a chiave dipende dalle preferenze.

Una cassaforte sicura

Le casseforti di alta qualità sono strutturate in modo da essere difficilmente violabili. Di norma la scatola ha pareti molto spesse, salvo i modelli a muro che nella parte inserita nel cemento possono essere invece sottili. Lo sportello frontale, invece, è in tutti i casi grosso e a prova d’urto. Nella maggior parte dei casi si tratta di acciaio monoblocco e la fessura laterale è davvero minima, per evitare anche la più raffinata effrazione. Le cerniere della scatola sono interne, per evitare che i ladri possano fare pressione proprio lì.

Le buone casseforti hanno una certificazione di sicurezza secondo parametri europei (EN 14445) che definiscono il grado di sicurezza del prodotto. Le buone casseforti sono sicure sia a fronte di attacchi fisici violenti, sia dal punto di vista dei circuiti interni, per cui sono difficili da manipolare e violare nella serratura (nella combinazione se presente) indipendentemente se sia ad apertura meccanica o elettronica.

Una cassaforte sicura è anche una cassaforte messa in una posizione strategica. Il posto migliore per un prodotto di questo tipo è lì dove è difficile da trovare e scassare, meglio perciò scegliere luoghi scomodi, molto in alto o in spazi angusti. Scegliendo luoghi scomodi è difficile utilizzare strumenti per violarla e lavorarci indisturbati.

Loading...