Ordine dei Giornalisti, scatta protesta contro ipotesi fusione tra Abruzzo e Molise • Prima Pagina Molise
Form
07-04-2017, 16:24 • Campobasso • Cronaca

Ordine dei Giornalisti, scatta protesta contro ipotesi fusione tra Abruzzo e Molise

Il presidente dell'Odg Molise, Antonio Lupo
Il presidente dell'Odg Molise, Antonio Lupo
"E' illegittima e ingiustificabile sotto ogni profilo la previsione - contenuta nella bozza di decreto legislativo di attuazione del disegno di legge di modifica della composizione del consiglio nazionale dell'ordine dei giornalisti - di accorpare gli ordini dell'Abruzzo e del Molise". Lo affermano in una nota il
Presidenti degli ordini regionali dei giornalisti d' Abruzzo e Molise, Stefano Pallotta e Antonio Lupo. "Cancellare, con un colpo di spugna - proseguono -  l'autonomia e la rappresentanza territoriale, nell'organismo nazionale, di una delle due regioni, determinando una disparità con le altre regioni, alcune addirittura con un numero inferiore di iscritti, è un ingiustificato arbitrio che ha le sembianze di una toppa malmessa su una abborracciata modifica alla normativa professionale. Inoltre, la cancellazione della rappresentanza degli ordini dell'Abruzzo o del Molise infligge una lesione alla stessa delega parlamentare. I due ordini regionali annunciano fin da adesso ricorsi, nelle sedi competenti, contro questa decisione".

Sulla questione interviene anche l'Associazione della stampa del Molise che esprime ‘sconcerto e stupore' sulla proposta di
riforma dell'ordine dei giornalisti varata in Commissione alla Camera dei deputati. "Per sanare un grossolano errore di calcolo fatto in precedenza sull'assegnazione dei rappresentanti regionali - evidenzia il presidente Giuseppe Di Pietro -, i legislatori hanno deciso, dall'oggi al domani, di accorpare il Molise all'Abruzzo, senza un criterio politico né programmatico. In pratica si concedono le rappresentanze alla minoranze linguistiche e, per farlo, si cancella una regione che ha diritti garantiti dalla Costituzione. Il sindacato dei giornalisti del Molise sarà impegnato a contrastare in ogni sede il ‘pastrocchio' legislativo che passa ora al Senato.

Cotugno, 'atto gravissimo' -  Si tratta di un "provvedimento gravissimo che lede la dignità, l'autonomia e la rappresentanza, in seno ad un organismo nazionale, di una regione che ha la stessa rilevanza costituzionale di tutte le altre regioni d'Italia". A rilevarlo è il presidente del Consiglio regionale, Vincenzo Cotugno, in una lettera inviata al presidente della Conferenza delle Assemblee Legislative italiane, Franco Iacop, al presidente della Regione, Paolo Laura Frattura, e ai parlamentari molisani. "In queste ore - ha aggiunto - ho avuto modo di confrontarmi telefonicamente con il Presidente nazionale dei Giornalisti, trovando ampia condivisione sulla necessità di mettere in atto tutte le azioni istituzionali di nostra competenza, per evitare che questo parere possa essere approvato anche dalla Commissione Affari Costituzionali del Senato. Se cosi non fosse, verrebbe sancita definitivamente, unico caso in tutta Italia, la cancellazione del Molise dal Consiglio nazionale dei Giornalisti". "In seguito, anche, ad un appello inviatomi dal Presidente dell'Ordine dei Giornalisti del Molise ad attivarmi in tal senso - ha sottolineato - chiedo ad ognuno un intervento nelle sedi opportune (Conferenza Stato-Regioni, Assemblea Presidenti dei Consigli regionali, Commissione Senato Affari Costituzionali, gruppi politici parlamentari) affinché si sensibilizzino i loro componenti, nel tentativo di evitare che ad una singola regione venga negato un diritto riconosciuto, a giusto titolo, a tutti gli altri territori nazionali".

Condividi questa notizia:

condividi su oknotiziecondividi su del.icio.uscondividi su facebookcondividi su diggcondividi su linkedincondividi su technoraticondividi su googlecondividi su yahoocondividi su livecondividi su stumbleuponcondividi su furl

Commenta questa notizia:

 

Focus
Il premio rivcevuto a Los Angeles da 'Lontano dagli occhi".

Tv, dopo Berlino Iannacone vince anche a Los Angeles

Dopo la vittoria di Berlino nuova affermazione del molisano Domenico Iannacone che, con 'Lontano dagli occhi' vince il Realscreen Awards di Los Angeles. Una vittoria ancora più prestigiosa perché ottenuta contro documentari prodotti da Bbc e Chanel 5. Il verdetto è arrivato nella notte. "E' una sensazione bellissima vedere che anche lontano da qui il nostro lavoro e' amato", ha commentato a caldo il giornalista.

 Domenico Iannacone sul tetto d'Europa, vince il Civis a Berlino

 

Segui PPM anche su facebook!

 

Approfondimenti
Curiosità

La liquirizia riduce la fertilità

Uno studio americano sconsiglia il consumo della radice a quante desiderano un figlio

 

Foto Ansa

Cinque milioni di visualizzazioni per 'Webbastardo'

Spopola in rete il finto 'predicatore'. I cybernauti e lo scrittore Adelchi Battista lo esaltano. E' il nuovo Masaniello

 

Servizi