Form
16-12-2007, 9:48 • Bojano • Cronaca

Campitello Matese. Piste aperte

In funzione la seggiovia Piana e lo skilift Lavarelle. Restano fermi pr il momento le seggiovie Anfiteatro e Del Caprio

A poco più di una settimana dal Natale, Campitello Matese dà ufficialmente il via alla stagione invernale con l'apertura degli impianti agli sciatori e agli appassionati del circo bianco. Da qualche ora, su alla stazione sciistica hanno preso a girare seggiovie e skilift, anche se, per il momento, a portatre in quota gli sciatori sono solo quelli delle piste basse Piana e Lavarelle.

L'abbondante nevicata che ha imbiancato negli ultimi due giorni gran parte del Molise, creando disagi e accumuli notevoli in alcune zone della provincia di Campobasso, paradossalmente non ha portato sulle montagne del massiccio del Matese il quantitativo di neve sufficiente a rendere sciabili tutti i tracciati della stazione invernale.

Pista Lavarelle
Pista Lavarelle
Il manto nevoso di Campitello non supera i venti centimetri di spessore. Una situazione che al momento non consente l'apertura delle seggiovie Del Caprio e Anfiteatro, impianti di risalita che portano gli sciatori verso le piste alte. Chiuso anche lo skilift San Nicola.

In queste ore operatori e tecnici stanno comunque lavorando alla preparazione del fondo dei tracciati alti, in attesa che la neve si posi abbondante sui circuiti sciabili di tutta la stazione turistica.

Intanto su a Campitello gli operatori turistici e economici sono già pronti ad accogliere i moltissimi turisti e gli sciatori che hanno scelto di trascorrere le festività natalizie nelle suggestioni che solo gli scenari innevati della montagna, con i loro giochi di neve e ghiaccio, sanno regalare in questo particolarissimo periodo dell'anno. 

La seggiovia Piana
La seggiovia Piana

Condividi questa notizia:

condividi su oknotiziecondividi su del.icio.uscondividi su facebookcondividi su diggcondividi su linkedincondividi su technoraticondividi su googlecondividi su yahoocondividi su livecondividi su stumbleuponcondividi su furl

Commenta questa notizia:

 

Focus

26 Aprile, notturno sammartinese


di Catharina Sottile


Mi sono chiesta quanto vuoto mi lascia non poter insegnare più a nessun bambino il nome di quei luoghi strategici: la partenza, le tre strade, e palmette, il levone, Franceschina...Chi mai può capire cosa penso, se non è nato a San Martino? E invece, è scoppiata la vicinanza. La gente capisce, eccome, il pericolo che stiamo correndo

 

Segui PPM anche su facebook!

 

Approfondimenti
Servizi